Surf Green

Posts tagged “Libri

Slide Your Brains Out | Thomas Campbell

Thomas Campbell parla del suo nuovo libro fotografico ‘Slide Your Brains Out’.

Surfers: CJ Nelson, Michel Junod and Ashley Lloyd-Thompson.
Music by The Mattson 2.

Compra il libro: mllu.sk/tmoe-slide-book

Advertisements

Guide to Sustainable Surfing

Ormai è evidente che noi esseri umani stanno alterando il pianeta in modo tale che, se continuiamo con così, presto non sarà più in grado di sostenerci. In altre parole, il nostro modo attuale di vivere non è sostenibile.

I principali problemi sono una popolazione fuori controllo, che stà esaurendo le risorse milioni di volte più velocemente di quanto non siano naturalmente sostituite e sottoprodotti del nostro consumo energetico stanno modificando la composizione chimica dell’atmosfera, la quale, a sua volta, sta cambiando il clima. La maggior parte delle persone si rifiutano di credere che questi problemi sono reali. Hanno paura di dover ridurre il loro consumo a bassi di stili di vita perché pensano che più consumano e più saranno felici.

Fortunatamente, alcune persone trovano ancora piacere da attività ‘naturali’ – cose che il denaro non può comprare. Tradizionalmente, i surfisti sono sempre stati tra queste persone. Con un minimo di attrezzatura si usa una piccola quantità di energia dell’oceano per renderci felici. Sappiamo che, dopo essere stati in mezzo all’oceano all’alba con onde perfette e un leggero vento off-shore, la sensazione di possedere un televisore da 42 pollici o una macchina più costosa del tuo vicino di casa diventa insignificante.

Tuttavia, il surf al giorno d’oggi comporta un sacco di viaggi e un sacco di consumo di beni e di energia prima che le onde vengano in realtà cavalcato. Rispetto a qualche decennio fa, i surfisti di oggi consumano altrettant risorse naturali, se non di più, degli altri membri della società. Il consumo in eccesso non è visto come un fine in sé, ma semplicemente un mezzo per arrivare alle onde più velocemente in modo da avere più tempo per surfare. Quindi, prima di cominciare a convincere gli altri membri della società a diventare più sostenibile, abbiamo bisogno di fare lo stesso noi stessi.

Rivolto principalmente a surfisti, il libro è diviso in tre sezioni principali: il nostro uso eccessivo di energia, la nostra ossessione per spostarsi da un luogo all’altro il più velocemente possibile, e il nostro eccessivo consumo di beni materiali. Ogni sezione inizia spiegando ciò che stiamo facendo male, e poi continua a suggerire come si possano migliorare le cose per noi stessi e, infine, come possiamo convincere gli altri a fare lo stesso.

Guide to Sustainable Surfing


Stormrider Surf Guide: America Centrale e Caraibi

Il libro inizia con una spiegazione piuttosto seria e tecnica dell’ “Oceanografia e Meteorologia”, dove descrive con molta cura swell, temperature, maree e correnti. Poi prosegue con due sezioni dove descrive brevemente l’ “Ambiente Surf” e “Cultura Surf”. La parte principale del libro principale è suddivisa per Paese (Messico, El Salvador) con tutti gli spot principali trattati molto dettagliatamente, con indicazioni su quando andare, cosa indossare e come arrivarci.


La Baia Della Luna

RECENSIONE A CURA DI ROSA TUMOLO

Lo dirò molto candidamente: quando lessi per la prima volta – la prima bozza – La Baia della Luna di Winki ne rimasi entusiasta, tanto da catturarmi fino all’ultima pagina, come rapita.

E senza giri di parole posso dirvi che ho voluto fermamente appoggiare questo libro che è un po’ la continuazione ideale di “Australia: quando un sogno diventa realtà”.

Ideale perché l’intenzione di Winki di scrivere un altro libro sempre ambientato in Australia è pervasa in ogni pagina de la Baia della Luna. Ideale perché c’è sempre il Surf che fa da sfondo alle storie che si intrecciano ogni giorno nel Continente Rosso, c’è la musica, il blues, il jazz, c’è sempre il viaggio e la ricerca. C’è sempre la voglia, mentre lo stai leggendo, di prendere uno zaino e partire, on the road, all’avventura.

Ideale perché, oltre ai punti saldi che sono parte integrante della vita dell’autore, c’è molto di più.

L’avventura inizia grazie a un libro fotografico, dono di un amico australiano prima di ripartire per la sua terra, che da l’input per la ricerca di un luogo che sembrerebbe leggendario: La Baia della Luna. Assieme a due amici, Winki prende la decisione di partire e cercare questo posto suggestivo, sentendone il richiamo, come canto di sirena.

Ed eccoci di nuovo nel Continente Rosso. Tavola da surf, matita in mano (si perché lui scrive rigorosamente a matita) e visto di un anno, troviamo Fabrizio accompagnarci passo passo, luogo per luogo, città per città, paese per paese, attraverso il deserto, alla ricerca di questa baia, segreta e magica, attraverso esperienze belle e brutte, ma comunque reali, riportate con fedeltà e col suo stile diretto e senza tanti giri di parole.

E questo viaggio diventa più di una ricerca. “La Baia della Luna” è una vera e propria meta iniziatica. Fabrizio ci conduce per mano in quel tipo di viaggio che precede un rituale di iniziazione, alla ricerca di un posto che è come un sogno, una meta da raggiungere, un luogo che è realtà, ma è anche dentro ognuno di noi.

“La Baia della Luna” è una storia che racconta di amicizia, di rispetto per essa e per la Natura, di prove da superare, di missioni da intraprendere, di tenacia e di consapevolezza. È una storia dove si trova allo stesso tempo saggezza, onestà e divertimento – che non guasta mai. C’è una dose di rabbia contro le ingiustizie, ma anche amore che non può certo mancare.

In queste pagine, così fitte e numerose, c’è l’esperienza di Fabrizio che ci insegna come bisogna fare per raggiungere le mete che ci prefiggiamo con poche semplici regole: ascoltarsi, nel corpo e nella mente, imparando anche dalle disavventure, aprendoci al significato di ciò che ci accade e cambiare rotta se ce n’è bisogno.

È in fin dei conti vita vera. L’annotazione delle sue riflessioni è così precisa e spensierata, così sincera, che ci fa sentire più vicini a lui e l’immaginazione è fervidamente nutrita dalle sue descrizioni. Nello stesso tempo è intenso, spirituale, intimo. Perché la vita è fatta anche di questo.

“La Baia della Luna” si legge come aria pura, non si avverte nessuna forzatura, ma forse una sorta di ingenuità non sui fatti della vita, ma di come la si guarda questa vita, con uno sguardo così sincero che quasi imbarazza. Il Surf, in questo nuovo cammino, è la via che lo conduce verso la Consapevolezza e il contatto più profondo con la Madre Terra.

Ci sarebbe così tanto da dire, ma non voglio rovinarvi il gusto della scoperta e della lettura.

E prima di lasciarvi immergere in questa nuova ricerca, per ultima cosa – ma non certamente meno importante – vorrei ringraziare Winki, non solo attraverso questo mio commento sul suo libro, ma anche direttamente, per avermi citata nei suoi ringraziamenti. Per me è stato spontaneo credere fermamente in qualcosa che reputo sincero e reale, proprio come la storia che leggerete in queste pagine

“Non importa dove tu vada in Australia, est, ovest, nord o sud, ci sarà sempre un posto meraviglioso come questo dove potrai godere di una serata indimenticabile attorno a un fuoco … “

Fonte: Winki.it


A Shortcut to Longboarding – Volume 2

Lee Ryan ha scritto un libro di classe sul longboarding che non ha eguale tra quello che è già stato scritto sull’imparare a surfare e soprattutto sull’imparare a portare un longboard. Il titolo dice tutto, perché come tutti sappiamo è abbastanza facile imparare, ma ci vogliono anni per padroneggiare l’arte del longboarding.

Come nove volte campione britannico ha vissuto e surfato in tutto il mondo,  e ora risiede in Nuova Zelanda. Lee ha messo tutta la sua conoscenza ed esperienza in questo lavoro per offrire un manuale per migliorarsi a tutti i livelli.

Il libro tratta tutto quello che ci si aspetta, dal argomenti di base attraverso l’etichetta, il fitness, la scelta della tavola e c’è anche una sezione molto esauriente sulle manovre. Ci sono un sacco di informazioni che veramente utili per qualsiasi tipo di tavola si usi.

Ci sono un sacco di foto per illustrare i suoi argomenti, nonché sparsi si trovano suggerimenti e citazioni da professionisti come Joel Tudor.

Questo libro è un capolavoro in cui la passione per il surf e per l’insegnamento traspare in ogni pagina.

www.shortcuttolongboarding.com


Cold Water Souls

Questo libro racconta le storie dei primi surfisti, pionieri che hanno cavalcato le onde dei luoghi dalle acque più fredde, e dà uno sguardo alle comunità che si sono sviluppate in queste zone del pianeta tanto belle quanto inospitali. Ci sono nuovi fondali da solcare – dai cedri ricoperti di muschio delle isole Vancouver, le nere rocce vulcaniche dell’islanda o le bianche spiagge ricoperte di neve della Norvegia. Quando sembra che il calore del sangue che scorre riesca a proteggere dal freddo più estremo, ecco che i sensi cominciano ad annebbiarsi. L’era della ‘Endless Summer’ è finita, comincia un periodo di esplorazione nel Surf, alla scoperta dei luoghi abitati dalle Cold Water Souls.

Chris Nelson

ColdWaterSouls


Hemingway – The Old Man and the Sea

Set in the Gulf Stream off the coast of Havana, Hemingway’s magnificent fable is the story of an old man, a young boy and a giant fish. In a perfectly crafted story, which won for Hemigway the Nobel Prize for Literature, it is a unique and timeless vision of the beauty and grief of man’s challenge t the elements in which he lives.